Araucaria

 

Araucaria_araucana1_st.jpg (62476 byte)

Araucaria bidwilii

Origine e famiglia.

Genere comprendente una quindicina di specie di conifere originaria dell'emisfero meridionale. Alcune specie sono rustiche e possono essere coltivate all'aperto (tra cui ad esempio l'Araucarua araucana). Altre invece sono delicate e devono essere coltivate in serra o in appartamento(es. Araucaria excelsa).

Specie.

Araucaria araucana (Sin. Araucaria imbricata - Pino del Paranà - Pino del Cile).
Provenienza: Cile. Altezza massima 30 m. Rustica, con foglie verde lucido, acuminate, spinose all'apice. Le foglie coriacee cambiano ogni 10 anni circa. La corteccia è grigia e rugosa, assai spessa. Produce pigne lunghe circa 15 cm. I rami sono in età giovanile disposti orizzontalmente e la pianta assume una forma conica. In età adulta, invece, la pianta assume una caratteristica forma più arrotondata e i rami inferiori sono rivolti verso il basso. Richiede terreni acidi e ben drenati.

Araucaria bildwillii.
Provenienza: Australia. Altezza massima 2-3 m se coltivata in vaso, 30 metri in natura. Semirustica, con foglie verde lucido, spinose all'apice, coltivata come pianta d'appartamento.

Araucaria heterophylla.
Provenienza: Australia. Altezza massima 2-3 m se coltivata in vaso, 30 metri in natura. Semirustica, con foglie aghiformi, verde lucido, produce pigne lunghe 15 cm. E' utilizzata come pianta d'appartamento. Cresce bene all'ombra.

Araucaria excelsa.
Provenienza: Australia. Altezza massima 2 m se coltivata in vaso. In natura può raggiungere i 50 metri d'altezza. Sensibile al freddo, viene coltivata come pianta d'appartamento. Presenta una chioma conica, con rami orizzontali con foglie verde lucido, aghiformi e leggermente spinose. Richiede terreni acidi e ben drenati.

 

araucaria bidwillii 2.jpg (37265 byte)

Araucaria bidwilii

araucaria heterophylla

araucaria excelsa

Tecnica colturale.

Le araucarie d'appartamento possono essere collocate in zone anche con poca luce. Durante il periodo invernale devono essere posizionate nella zona meno riscaldata della casa, ad una temperatura minima di 5 gradi. Durante il periodo estivo, invece, crescono meglio collocandole  all'esterno in posizione non troppo soleggiata.

Quanto alle annaffiature, si consiglia di utilizzare acqua decalcificata. Durante il periodo primaverile-estivo  bagnare abbondantemente. Diradare invece le annaffiature durante il periodo invernale. Evitare in ogni caso ristagni d'acqua (soprattutto nel periodo invernale). Utilizzare un fertilizzante liquido specifico per piante acidofile ogni volta che si bagna la pianta. Sospendere le concimazioni durante il periodo invernale.

Nebulizzare le foglie durante il periodo estivo (soprattutto se la pianta si trova in appartamento).

  

Il terriccio deve essere ben drenato e acido. Il terriccio acido si può facilmente trovare in commercio. Tuttavia difficilmente è sufficientemente drenato. Occorre quindi aggiungere materiale drenante come pietra pomice, lapillo vulcanico, ghiaia, argilla espansa, agriperlite o simili.

Si può anche creare un terriccio in casa (che generalmente garantisce risultati migliori) utilizzando i seguenti componenti facilmente reperibili in commercio:
1) una parte di sabbia lavata;
2) una parte di torba di sfagno;
3) una parte di materiale drenante (meglio agriperlite).

Il rinvaso deve essere effettuato in aprile.

germoglio di araucaria araucana

 

Parassiti e malattie.

L'araucaria è pianta che viene spesso attaccata dalla cocciniglia c.d. fioccosa, parassita molto visibile per i grossi fiocchi bianchi, di solito posti in prossimità del tronco e sulle foglie più giovani. Si consiglia l'uso di olio bianco combinato con un antiparassitario specifico. 

Altra malattia che può determinare in breve tempo la morte della pianta è la famigliola. 

 

rcarau.jpg (46582 byte)

giovani piante di araucaria
araucana in coltivazion
e