Opuntia 

 

Si tratta di un genere che comprende un grande numero di specie - originarie delle zone desertiche dell’America settentrionale e meridionale – che  possono raggiungere anche grande dimensioni, (fino a 6 metri). Le piante possono avere sia un portamento eretto che strisciante, hanno rami cilindrici o globosi solitamente appiattiti e presentano delle areole sparse su tutto il ramo con delle fastidiosissime spine molto fini dette glochidi. Queste piante producono delle infiorescenze a forma di ruota con colori molto accesi che successivamente danno origine a dei frutti quasi sempre commestibili dalla forma rotondeggiante (classico esempio è il fico d’india).

opuntia_albispina.JPG (32770 byte)

opuntia albispina

 

opuntia_microdasys.JPG (25741 byte)

opunita microdasys

Le condizioni migliori per la crescita dell’Opuntia sono quelle temperate, non sopportando le temperature inferiori a 4-5°. Per questa ragione si coltiva spesso in appartamento, ove fattore di massima importanza sarà costituito dalla luce che dovrà essere possibilmente diretta e con un tempo di esposizione prolungato. Essendo una pianta tipicamente desertica non sopporta l’umidita atmosferica ed è quindi bene prediligere luoghi abbastanza ventilati per prevenire muffe e malattie. La concimazione, che viene effettuata una volta all’anno nel periodo primaverile, deve essere effettuata con prodotti specifici ed in dosi abbastanza blande. Dato il gran numero di varietà esistenti dividiamo per comodità in sotto generi che si differenziano tra loro sia per la forma dei rami che per il portamento della pianta.

opuntia_microdasys_v.JPG (27510 byte)

opuntia micro dasis v

Opuntia bigelowii. Con portamento eretto questa pianta può avere anche una notevole altezza, la forma è quella ad albero con parecchie ramificazioni che partono dal tronco centrale. Le spine di colore chiaro sono abbastanza lunghe (3-4 cm) e, col passare degli anni, possono anche assumere una colorazione più scura. L’infiorescenza è di colore bianco giallo ed il frutto è giallo.

 

Opuntia ficus indica (fico d’india). Proveniente dalle zone desertiche del messico e ormai presente nelle zone più calde del nostro paese. La forma è quella di un albero con dei grossi rami che partono dalla base, i rami sono appiattiti  fino a formare delle grosse pale. I frutti commestibili sono di colore giallo rossastro e ricoperti da glochidi. Può raggiungere anche grandi dimensioni e crescere in condizioni estreme.

oopuntia_monacantha.JPG (24019 byte)
opuntia monacantha


opuntia_subulata.JPG (22834 byte)
opuntia subulata

Opunzia microdasys. Questa pianta, più piccola delle precedenti, trova le sue origini nel Messico e raggiunge il metro d’altezza. Molto coltivata per l’aspetto estetico, viene prevalentemente utilizzata per composizioni sia per la sua colorazione che per l’ottimo contrasto che offre con le altre piante grasse. Solitamente la pianta non presenta spine ma è ricoperta da glochidi che garantiscono la protezione della pianta.

opuntia_vestita_cristata.JPG (26144 byte)
opuntia vestita cristata

opuntia_tuna.JPG (25518 byte)
opuntia tuna